CAMBOGIA: Angkor Wat

siemreap_cambodia_settembre2015-76

Angkor Wat, tempio principale

siemreap_cambodia_settembre2015-244E’ una delle sette meraviglie del mondo antico; la sua costruzione avvenuta tra il 1113 ed il 1150 DC, voluta dal re Suryavaman II, venne completata in meno di 4o anni: Angkor Wat, che in lingua Khmer significa “tempio della città”, rappresenta ad oggi il complesso religioso più grande al mondo con un’area imponente di 2 chilometri quadrati.

siemreap_cambodia_settembre2015-153

Il parco archeologico di Angkor copre un’area totale di circa 400 km quadrati poiché ci sono numerosissimi templi sparsi per l’area nord della Cambogia, dei quali Angkor Wat è il più grande e meglio conservato grazie ai lavori di restauro cominciati agli inizi del ‘900.

Si trova all’interno dell’area denominata Angkor e per entrarci serve munirsi di un permesso acquistabile sulla via che porta da Siem Reap ai templi, a scelta tra l’opzione di 1 giorno ($ 20), 3 giorni ($ 40) oppure una settimana ($ 60).siemreap_cambodia_settembre2015-79

Il tempio di Angkor Wat è da sempre considerato il simbolo della Cambogia tanto da diventarne l’emblema rappresentato nella bandiera nazionale; è ancora oggi il luogo più visitato del paese.

Continua a leggere

CAMBOGIA: l’arrivo a Siem Reap

CAMBOGIA

CAMBOGIA

L’essere tornata a casa dopo quasi quattro anni di vita all’estero ha decisamente sotterrato la mia ispirazione creativa da scrittrice. Nonostante questo, ogni tanto questa riemerge per brevi periodi e ne approfitto per continuare a scrivere delle avventure rimaste nel cassetto per troppo a lungo.

Ho trascorso ben ventidue mesi in Australia e con una gran tristezza nel cuore l’ho poi dovuta lasciare a Settembre. Prima di rientrare in Italia ho optato per una breve tappa asiatica, giusto perché era di strada, così dopo essere decollata da Darwin, a nord dell’Australia, aver trascorso la notte in aeroporto a Singapore dividendomi tra il cinema gratuito, un massaggio ai piedi anch’esso gratuito e una dormita di qualche ora sulla moquette, arrivo a Siem Reap in Cambogia.

Aeroporto di Singapore

Aeroporto di Singapore

L’afosità dell’aria cambogiana mi da uno schiaffo appena atterrata e messo il naso fuori dall’aereo,  dandomi quasi una sensazione di soffocamento avendo vissuto le ultime 20 ore in ambiente climatizzato; pigramente mi avvio verso la dogana che non ha nulla a che fare con quella del programma tv Border Security girato all’interno degli aeroporti australiani, questa fa molta meno paura!

Continua a leggere