Intervista a Duilio, immigrato dall’Italia all’Australia ben 50 anni fa.

Oggi voglio pubblicare un’ intervista, (la prima sul mio blog a dire la verità! ) fatta ad una persona speciale.

Ho conosciuto Duilio tramite un amico in comune che oltretutto voglio ringraziare immensamente per l’aiuto e l’amicizia che mi è stata data.

Quando io e Duilio siamo stati introdotti ho capito che questa sarebbe stata una visione incredibilmente interessante da pubblicare sul Intorno Sottosopra: una visione della vita, della speranza, dei sacrifici, delle difficoltà sempre positiva!

Trasferitosi in Australia nel 1964 da Macerata, sono ben cinquant’anni che Duilio abita in Australia….un’ Australia che ora è completamente diversa, un’ Australia che all’arrivo di Duilio era una terra ancora aspra, a volte piuttosto selvaggia e pericolosa, un’Australia che però offrì facilmente un futuro a chi come lui seppe lavorare davvero duro e risparmiare e dimostrare il proprio valore.

Ecco la sua storia…

Beh, innanzitutto presentati un po’.

Mi chiamo Duilio, ho 69 anni e vivo in un sobborgo di Brisbane nello stato Australiano del Queensland, a circa 8 km dal centro della città.
Ancora lavoro. Si!
Il mio mestiere principale è quello di meccanico per veicoli come camion (o tir come li chiamano ora in Italiano), gru, muletti, sono specializzato in oleodinamica.

l mio passatempo è fare l’ annunciatore radio e fonico! Svolgo infatti volontariato in una radio qui a Brisbane chiamata 4 EB FM 98.1. I programmi della radio sono in ben 50 LINGUE DIVERSE e si va in onda 24 ore al giorno, 7 giorni su 7! Io ed il mio gruppo curiamo 8 ore in diversi orari durante la settimana con tanta  musica (italiana!) presentatori di tutte le età

Duilio durante il suo lavoro in radio

Duilio durante il suo lavoro in radio


Quando ti sei trasferito in Australia?

Sono arrivato in Australia il 21 Gennaio 1964,  dopo essere partito da Macerata e aver fatto un mese di navigazione, avevo 19 anni.


Cosa ti ha portato a questa decisione di spostarsi in una terra allora ancora sconosciuta e desolata?

L’idea di avventura, volevo imparare la lingua inglese per poi andare in Canada….progetto che  poi non si è mai avverato!

duilio1


Hai avuto necessità di un visto?

A quei tempi per espatriare in Australia era necessario Passaporto e Visto ritirato all’ambasciata di Roma (dopo aver presentato la richiesta fatta da mio fratello)….i tempi erano lunghissimi, non esisteva internet come ora e la burocrazia si muoveva a rallentatore.

L’immigrazione era aperta “a domanda” oppure “a richiesta”.
Ciò significa che potevi fare domanda alle autorità italiane  per emigrare in Australia oppure veniva fatta la richiesta da un parente, un datore di lavoro o da chiunque si prendesse la responsabilità di alloggiarti che però si trovava già in Australia a vivere. Io fui fortunato, avevo un fratello che abitava qui già da sette anni.

duilio9


Com’è stato il viaggio?

Il viaggio in nave è stato una delle esperienze più belle della mia vita! Partito da Napoli e arrivato a Brisbane….trentun giorni sui quali potrei scrivere un libro!
Il prezzo del biglietto fu di mezzo milione di lire…immaginatevi il confronto con quanto sarebbe costato ai giorni nostri!


Che cosa ti è rimasto impresso nella mente quando sei approdato per la prima volta nel continente australiano? Un’immagine che è ancora indelebile…

Il grande spazio ed il caldo!

Partii dall’Italia che era pieno inverno…c’ erano due metri di neve a Macerata e arrivammo qui che era piena estate…un caldo incredibile!

Inoltre qui non si sapeva cosa fosse il caffè o addirittura il vino, figuratevi cosa fu questo per un italiano, completa sorpresa!


Vinili

Vinili

Sala tecnica di produzione

Sala tecnica di produzione


Qualche curiosità sulla vita in Australia di allora?

Quando lavoravo come assistente meccanico ogni impiegato aveva una zona da coprire e la mia comprendeva un’area vicina all’ Outback, una zona molto remota del paese; le strade ed i trasporti non erano efficienti come adesso, lo stesso valeva per la sicurezza!
Prima di partire per ogni viaggio in zone così isolate, ci si doveva recare alla stazione di polizia e lasciar detto dove si sarebbe andati, che strada si sarebbe percorso e il tempo che ci si avrebbe impiegato.
Appena arrivati a destinazione ci si doveva recare nuovamente alla stazione di polizia locale e lasciar detto che effettivamente si era arrivati! Altrochè google maps!
Se non si era dalla polizia entro un certo limite di tempo (diverso da quello comunicato) partivano le comunicazioni radio per far arrivare i soccorsi…

Ricordo inoltre che a Brisbane il camion dei vigili del fuoco e i treni (a vapore!) usavano una campana per comunicare che stavano arrivando.

duilio10

duilio8


Quale fu il tuo primo impiego?

Il muratore (mai fatto prima!)


Come consideri l’inizio della tua nuova vita in Australia, fu difficile integrarsi con le persone? Trovare lavoro? Casa? Denaro?

No, per me fu piuttosto facile; devo dire che l’aiuto che ho ricevuto da tutti fu davvero eccezionale e poi non ho mai avuto paura di affrontare qualsiasi avversità. Si lavorava davvero duro e si riusciva a risparmiare bene. Ricordo che andavo a fare spesa con le banconote e tornavo a casa sempre con spiccioli nelle tasche…spicciolo su spicciolo alla fine ti rendevi conto che anche le monetine avevano il loro bel valore!

duilio7


Quale fu il momento più difficile?

Nonostante tutto non credo di poter dire che ho avuto momenti davvero difficili. La lingua fu un grande ostacolo ma ho sempre voluto frequentare solo australiani così che l’avrei imparata più velocemente ed è un consiglio che do a tutti questo!
Io feci delle lezioni “per corrispondenza”, con le quali ti venivano spediti i libri ed i compiti da fare e una volta svolti, dovevi rispedirli indietro per essere corretti! Internet……

La mia filosofia? Quando sei in ballo devi ballare! 

duilio4


Ora che sei cittadino australiano da tanto tempo, la tua origine italiana è solo un ricordo? Ti manca l’Italia?

L’Italia non mi manca ma rispetto comunque le mie origini e ne sono orgoglioso. Mi manca il territorio ma non l’Italia di oggi! Per me prima viene l’Australia poiché è la mia casa da sempre, la terra che mi ha dato il futuro e la vita felice che ho.


Cosa pensi della difficoltà al giorno d’oggi nel rimanere in questo paese per noi immigrati? Sei daccordo con le leggi sull’immigrazione molto chiuse e conservative che permettono solo a pochi di rimanere per sempre? 

Oggi giorno rimanere è diventato molto molto più difficile.

Purtroppo le leggi che ci sono ora sono dure e lo riconosco ma sono il frutto dei problemi causati in passato dagli immigranti…italiani comrpesi. Abbiamo lasciato la nostra casa, la nostra terra e le nostre famiglie per rifarci una vita, ma tanti non accettano il fatto di doversi adattare alle regole del nuovo paese causando così disagi e fratture fra le varie etnie. Ambientarsi e rispettare usi e costumi di un paese che ti ospita credo siano le due regole principali per avere una vita comunitaria serena.

Come diciamo noi in Italia: “Paese che vai, usanza che trovi”.

duilio11


Te la senti di dare qualche consiglio ai tantissimi giovani italiani che arrivano qui nella speranza di cambiare in meglio la propria vita?

Cosigli….beh, sicuramente suggerirei a chi ha in mente di trasferirsi qui in Australia di smettere di andare nelle grandi città! Le classiche Sydney, Melbourne, Brisbane, Perth, Darwin….sono sature di persone, lavoratori, c’è concorrenza e i prezzi sono più alti. Meglio puntare su piccoli paesini magari appena fuori da queste grandi città e provare a costruirsi qualcosa lì. Come già detto prima, bisogna capire che ci si deve adattare: al giorno d’oggi i giovani hanno tutti la pappa pronta….vogliono anche partire con già il lavoro e la casa che li aspetta.

Bisogna affrontare le avversità positivamente non negativamente, sempre! 

Link Radio 4EB FM Brisbane

Ringraziando di nuovo Duilio, vi auguro una buona giornata!

PENSATE POSITIVO, PERCHE’ SIETE VIVI, SIETE VIVI!
(mitico Jovanotti!)

Natale in Aussie: done!

2011 Italia
2012 Inghilterra
2013 Australia

IMG_1992

Chissà il prossimo dove sarò 🙂

Oggi mi trovo a scrivere un nuovo post sul mio blog Around Upside Down come feci esattamente 365 giorni fa a Londra per la prima volta. Fu infatti il 26 Dicembre 2012 che decisi di aprire il mio diario online per condividere con tutti coloro che mi seguono i viaggi, le avventure, i pensieri, le opinioni e le esperienze che mi stanno riempiendo la vita in un modo eccezionalmente intenso.

IMG_1994

Si sa che il Natale è una festività da “famiglia” ma a volte non si ha questa possibilità.

Per svariati motivi nel corso della vita le situazioni cambiano, le persone vanno e vengono e ci ritroviamo dall’altra parte del mondo a trascorrere una festa come il Natale, così importante per la società nella quale  sono cresciuta, in modi che non avremmo nemmeno creduto possibili.

IMG_2010

Per me quest’anno è stato speciale…è il raggiungimento di un traguardo come la realizzazione di un sogno che ci fa apprezzare le piccole cose nella vita.

Due persone che vogliono a tutti i costi che tu trascorra il Natale con loro perché sei diventata una specie di “figlia adottiva”

Scoprire che sotto l’albero ci sono un paio di regali con su scritto il tuo nome (corretto tra l’altro!)

Vedere sulla tavola imbandita pasta al pesto con pomodorini secchi, mozzarella e vino italiano 

Persone curiose che si interrogano e vogliono sapere come gli italiani festeggiano il Natale, con quali dei tanti meravigliosi piatti ci riempiamo le pance fino a scoppiare, quando apriamo i regali, quando addobbiamo le nostre case e come.

Trascorrere un rilassato pomeriggio post abbuffata in piscina con 30 gradi invece  che di fronte al camino (adoro entrambi!)

Tornare a casa e vedere arrivare il vicino con una bottiglia di Moscato e il Panettone 

Scoprire che in fin dei conti ti sei davvero divertita e hai trascorso una festa “diversa” ma favolosa, contornata da persone che ti hanno aiutata a non pensare troppo a ciò che hai lasciato indietro ma a ciò che fa parte del presente…e a goderne soprattutto!

IMG_2019

Toffee!

Un grazie speciale a tutti coloro che hanno fatto di questa giornata un indimenticabile ricordo. Alla famiglia di Julie, Lucie e Toffee che mi ha adottata fin da quando ho messo piede in questa terra e che mi ha regalato un Natale stupendo in loro compagnia. Un ultimo grazie speciale al mio padrone di casa e al vicino che sono diventati un po’ i miei pilastri di sostegno qui a Brisbane.

xmas_home

A special thank you to everyone that helped to make this a wonderful day and an unforgettable moment. To the family of Julie, Lucie and Toffee that adopted me since I arrived in this land and that invited me to join their Christmas day. Also a big thank you to my landlord and my neighbor that became a huge part of my life here in Brisbane.

Ma chi si rivede!

Rocca Estense a San Felice s/P Foto di Guido Piano

Rocca Estense a San Felice s/P
Foto di Guido Piano

Proprio ieri pomeriggio mentre ero a casa a lavorare, ovviamente sul mio blog il cellulare comincia a squillare. Immediatamente leggo il nome apparso sullo schermo e un enorme sorriso compare spontaneo sul mio volto……era Antonio!

Una piccola introduzione su Antonio: un amico di vecchia data risalente alle scuole medie frequentate dall’anno 1997 all’anno 2000 nel mio piccolo paesino di 11 mila anime in provincia di Modena. Abbiamo trascorso 3 anni nella stessa classe; lui se vogliamo dirla tutta era proprio un secchione! 😉 Scusa Antonio! Ma in fondo non è un’offesa anche perché la mia spesso è stata solo pura invidia della tua capacità nello studio….accidenti a me!

Concluse le scuole medie ognuno ha preso direzioni diverse, lui ha cominciato le scuole superiori in un paese vicino mentre io sono fuggita lontano, a 35 chilometri di distanza iniziando l’Istituto d’Arte in città a Modena (già allora avevo manie da viaggiatrice!). Ancora ringrazio me stessa per aver compiuto quella decisione ad Agosto del 2000.

Fatto sta che non siamo più rimasti molto in contatto, credo ci salutassimo se ci vedevamo in centro ma diversamente ognuno di noi, ed intendo tutti coloro che erano in classe con me iniziò un percorso diverso. Poi aggiungiamoci il fatto che non sono mai stata molto “di paese” e che quindi raramente mi si vedeva in giro.

Appena prima di trasferirmi qui in Australia un mese fa, uscii una sera con vecchi amici per bere qualcosa e chi ti incontro nel locale???? Lui, Antonio! 😀

Iniziammo a parlare del più e del meno come si fa con quelle persone che si perdono di vista durante gli anni e quasi subito salta fuori che entrambi, a distanza di soli 3 giorni ci saremmo trasferiti proprio in Australia! Questa fu una piacevole sorpresa, non avrei mai creduto possibile una cosa così, sopratutto ritrovarsi pochi giorni prima della partenza e scoprire di andare dall’altra parte del mondo nello stesso momento. La vita è strana!

Io ed Antonio in un bar a Brisbane

Io ed Antonio in un bar a Brisbane

Ritorniamo al presente.
Rispondo al telefono e: “Halo Halo!!! How are you???”
Io: “Ma ciaooooooo! Come stai? Dove sei?”
Lui: ” Bene grazie, sono a Brisbane!”
Io: “Cosa????? Fammi cambiare ed esco subito!”

Fu così che ieri pomeriggio ho rivisto il mio vecchio compagno delle scuole medie, a distanza di circa 13 anni, in un continente dall’altra parte del mondo, a migliaia di chilometri di distanza dalle nostre origini, seduti a bere un drink e chiacchierare dei vecchi tempi che furono, del presente e del futuro che sarà.

Emozionante!