Solo Woman Road Trip: Kangaroo Valley, NSW

kangaroo_valley_march2015-16

Il clima comincia a cambiare, è autunno.

La pioggia comincia a cadere sempre più spesso man mano che mi sposto verso sud e la temperatura sta calando. Il fresco sta diventando freddo, e per chi crede che in Australia sia sempre estate beh, vi devo deludere perché non è così!

Visto il clima piuttosto deprimente decido di spostarmi da Kiama e continuare verso l’interno del New South Wales.

kangaroo_valley_march2015-4
Mi sono soffermata a parlare con un locale che mi ha suggerito di visitare un posto chiamato Kangaroo Valley, ed è proprio lì che mi sto dirigendo.

Come suggerisce il nome, Kangaroo Valley è una valle tra le colline verdi del New South Wales che dovrebbe essere famosa per la facilità nell’avvistamento di canguri…….non proprio! E’ invece nota come il luogo perfetto dove vedere numerosi Wombats in libertà nelle ore dopo il crepuscolo e prima dell’alba.

kangaroo_valley_march2015-1

Suona ironico…. dovrebbero chiamarla Wombat Valley 🙂

Il wombat è un piccolo mammifero marsupiale nativo dell’Australia. Ha una lunghezza di circa un metro ed è erbivoro; è prettamente notturno e vive in sistemi di tunnel sotterranei che scava con gli artigli e con i suoi denti da roditore.

CURIOSITA’ 1: la sacca marsupiale del wombat è al contrario! L’apertura si trova infatti verso il basso e la natura ha una ragione per questo: quando questo mammifero scava il proprio tunnel nel sottosuolo, la terra non entra nel marsupio rischiando così di creare problemi al piccolo feto. Immaginatevi i problemi logistici di un canguro con il marsupio al contrario!

CURIOSITA’ 2: questi erbivori hanno una digestione paurosamente lenta, si va dagli 8 ai 14 giorni di tempo!

CURIOSITA’ 3: spero non stiate mangiando mentre leggete questa curiosità 🙂 . Beh, dopo avervi preparato posso dirvi che le feci dei wombat sono squadrate e si trovano spesso su punti alti come ad esempio muretti, tronchi di alberi tagliati alla base, o qualsiasi altra cosa che sia più alta del suolo circostante. Vogliono che la loro “presenza” sia ben chiara e visibile ai passanti e la forma squadrata aiuta a non rotolare in tutte le direzioni!

kangaroo_valley_march2015-5

Numerose persone che trascorrono la notte in questo luogo dicono di venire svegliati dai simpatici e pelosi wombats che appunto utilizzano le auto e i camper parcheggiati come grattino personale! Si strofinano sui bordi e angoli dei mezzi e si grattano la pelliccia che raccoglie purtroppo parecchi ospiti, pulci probabilmente.

Finalmente arrivo e dopo aver allestito la mia auto con tanto di tenda per ripararmi dalla pioggia ed essere in grado di cucinare qualcosa, attendo il tramonto ansiosa di avvistare uno di questi curiosi marsupiali.

Il cielo comincia ad oscurarsi ma ecco che vedo non troppo lontano da me una cosa marrone che si muove lentamente sull’erba, afferro la macchina fotografica e comincio l’inseguimento!

kangaroo_valley_march2015-3

Più che inseguimento è una lenta camminata cercando di non spaventare il wombat che pacificamente sta brucando l’erba. Mi sorprende il fatto che nonostante io sia a circa due metri di distanza lui non sembra accorgersi della mia presenza. Solo se faccio qualche passo allora si ferma improvvisamente, alza la testa paffuta e smette di masticare…per poi ritornare dopo qualche secondo con il muso immerso nel verde della valle per continuare il suo pasto. Una signora incuriosita si avvicina e mi dice che la vista dei wombat è davvero poco sviluppata, questa la ragione per la quale non scappa da me…speravo fosse perché gli piacevo!

kangaroo_valley_march2015-2

Rimango lungo tempo seduta silenziosamente su di una roccia poco distante, il wombat che bruca vicinissimo alle mie gambe che sporgono e toccano il terreno. Mi limito ad osservare la pace nei suoi movimenti, il suono del suo masticare veloce, simile a quello di un coniglio e soprattutto il suo grattarsi costantemente…decisamente suscita simpatia!

Finita la sessione fotografica ritorno alla mia auto per prepararmi per la notte decisamente umida e fredda!

Un’altra giornata finisce ma il  Solo Woman Road Trip invece continua, prossima meta: la perla di Jervis Bay.

Stay tuned

kangaroo_valley_march2015-20

La risata del Kookaburra

Se c’è una cosa che si nota quando si arriva in Australia e magari si è fuori a fare una passeggiata sotto al meraviglioso cielo dell’emisfero sud, è la risata del Kookaburra (pronuncia cucabarra) che romperà il silenzio, vi farà sorridere e probabilmente susciterà in voi il dubbio: ma è qualcuno che ride o c’è qualche altro strano animale australiano del quale non sapevo dell’esistenza?!

Kookaburra_2

Che cos’è un Kookaburra? E’ un delizioso e simpatico uccellino nativo dell’Australia e Nuova Guinea paragonabile al nostro Martin Pescatore, appartiene infatti alla stessa famiglia.

Questo animaletto dalla testa forse troppo grossa è diventato un po’ uno dei simboli australiani che preferisco insieme al canguro, l’emu e al koala…ok il koala non si batte lo so…troppo dolce, peloso e paffuto, praticamente irresistibile 🙂

Indovinate da dove arriva il nome Kookaburrra? Ma ovviamente, come in perfetto stile australiano, dal verso tipico di questo animale che vi assicuro è davvero particolare, strano e fa ridere!

Ecco appunto l’origine del nome Kookaburra: il popolo indigeno australiano Wiradjuri lo battezzò Guuguubarra che appunto è una parola che descrive il verso di questo uccello.

ASCOLTATE LA RISATA DEL KOOKABURRA IN QUESTO VIDEO

Allora?! Che ne dite..simpatico eh?

Se un giorno verrete in Australia non scamperete al terribile Kookaburra e alla sua contagiosa risata!

Buona vita

🙂

Magico Sud Africa

Questa galleria contiene 80 immagini.

Ecco come promesso una piccola galleria (circa 80 foto delle 500 che possiedo!) di foto scattate durante il mio soggiorno in Sud Africa. Cliccate sulla prima foto e si aprirà una seconda schermata che visualizza le foto più grandi. Grazie, buona visione  🙂