La vita in farm

scenicrim

Da qualche giorno lavoro in una di queste famose FARM per ottenere il secondo anno sul mio visto.

Mi trovo in un’area chiamata “Scenic Rim”, una valle stupenda situata a sud di Brisbane a circa un’ora e mezza dalla city; qui le colline che ospitano i campi coltivati hanno forme delicate e si incontrano con le montagne a ovest mentre il sole che tramonta crea sfumature mozzafiato nel cielo…davvero un piacere per gli occhi e pace per lo spirito lavorare in questi luoghi!

                                                    farm7

Ma torniamo al lato pratico: ecco una normale giornata di routine nel lavoro della raccolta pomodori qui nel sud dello stato del Queensland:

  • Sveglia ore 6:00/6:30
  • Colazione (vi consiglio altamente di FARLA questa benedetta colazione! Ricordate quando vi dicevano che è il pasto più importante della giornata? Beh, è la verità e se non volete ritrovarvi agonizzanti in mezzo alle piante di pomodori e con il pranzo ad ancora 5 ore di distanza, cominciate ad abituarvi a mangiare qualcosa la mattina)
  • Inizio lavoro ore 7:00/7:30
  • Break/Pausa: solitamente 15 minuti a metà mattina
  • Pranzo: 30 minuti
  • Fine: quando si finisce si finisce!
  • Ore di lavoro giornaliere: dipende dalle giornate e specialmente dal meteo, a volte 4 a volte 12.

farm6

Nella mia farm il lavoro consiste in tre tipologie:

  • Raccolta pomodori con secchi
  • Raccolta pomodori con l’uso di un macchinario
  • Confezione

La raccolta con i secchi consiste nel raccogliere i frutti da piantine poste in file, un sentiero passa in mezzo alle file. Si ha un secchio in plastica e si cammina fra le piante stando praticamente con la schiena piegata tutto il tempo portandosi dietro il secchio. Si spostano i cespugli per vedere se all’interno ci sono dei frutti nascosti e si avanza così fino a fine turno lavorativo. Vi avverto: come nel nostro paese anche qui in Australia usano pesticidi e veleni e quando spostate i cespugli spesso una nuvola di polvere mista a sostanze non troppo salutari si alza e il vostro viso è a pochi centimetri di distanza. Consiglio: respirate con il naso che è meglio 🙂

farm1

La raccolta con il macchinario è a mio avviso molto più semplice: questo macchinario è come un trattore che procede lentamente tra le file di piante e si è seduti alla fine o all’inizio della macchina.  Si raccoglie da seduti quindi senza doversi portare dietro secchi o senza dover camminare stando piegati allo stesso tempo.

La confezione avviene solitamente dopo pranzo e a seconda della farm la tipologia di pomodori cambia quindi tutto il procedimento cambia. Lavoro semplice ma bisogna essere precisi e veloci.

tomatoes

CONSIGLI GENERALI:

ABBIGLIAMENTO: comodo, non indossate tessuti sintetici o troppo attillati (specialmente i pantaloni!), come già specificato ci si piega in continuazione e credetemi quando vi dico che non vorreste indossare jeans stretti o pantaloni da cameriere quando raccogliete per 9 ore sotto il sole!
Optate per pantaloni con tasche (ci mettete chiavi della macchina, soldi, cellulare e auricolari) oppure per le femminucce preferite i leggings

MARSUPIO: ovviamente portare la borsetta non è una cosa molto pratica! Io personalmente ho acquistato un marsupio e lo tengo a lato sui fianchi così non mi ostacola quando mi devo piegare…stracomodo e ci sta tutto!

MAGLIETTA o tshirt ve la consiglio con le maniche: scottatura spalle molto comune!

SCARPE: eventualmente se avete quelle da trekking vanno bene ma anche un paio di scarpe da ginnastica leggere faranno al caso vostro soprattutto in estate con 40 gradi!

CAPPELLO indispensabile!

CREMA SOLARE: certo….magari la mattina alle 7 non vi sembrerà il caso perché fa fresco, ma intorno alle 10 la temperatura e il sole si fanno sentire quindi prima di cominciare a lavorare mettetevi la CREMA SOLARE protezione 30 o più almeno in viso e sulle spalle. Una volta cominciato il lavoro non potete fermarvi e mettere la protezione anche perché le vostre mani saranno ricoperte da pesticida e puzzeranno in modo assurdo 🙂

GUANTI indispensabili! Sulle piante e sui frutti non avete idea di quanto veleno ci sia quindi comprate un paio di guanti comodi, dal tessuto elastico e con il palmo in gomma. Io ho comprato quelli per andare in barca a vela: sono economici (circa 4 dollari in IGA), comodissimi perché aderiscono perfettamente alla mano, non si suda, si lavano velocemente e inoltre potete usare il telefono e toccare lo schermo per cambiare canzone (lo so, sono fortunata perché dove lavoro è permesso ascoltare la musica mentre si raccoglie, altrimenti sai che noia stare in mezzo ai pomodori da sola per 9 ore?!)

ACQUA: tanta e fresca! Comprate una di quelle bottiglie termiche in metallo e tenete una tanica da 5/10 litri in macchina se potete.

abbigliamentofarm2

Spero di avervi dato info utili da utilizzare e condividere 🙂

La farm è un’esperienza davvero unica, interessante, il lavoro è davvero duro a volte e il vostro corpo verrà messo alla prova ma se la vivete positivamente come un arricchimento invece di tempo sprecato in campagna, saprete apprezzarne il significato.

Buona vita!

Trasferirsi a Londra: consiglio n. 3 – RICERCA LAVORO

Immagine

Questo argomento credo sia per tutti coloro che pianificano di trasferirsi qui a Londra, un punto cruciale, quello che spaventa di più e che rende le idee incerte e confuse.

Devo cercare lavoro dall’Italia?
Devo affidarmi ad un’ agenzia?
Devo tradurre il mio cv in inglese ma come?
Devo sapere bene l’inglese per ottenere un impiego?
Potro’ mantenermi in una città costosa come Londra?
E tante altre domande che anche io mi sono fatta…..
Nel precedente post mi sono soffermata sulla ricerca dell’appartamento tramite l’agenzia per cui il mio personale punto di vista dovrebbe essere chiaro. Non affidatevi ad un’agenzia.
Per quanto riguarda la ricerca di lavoro dall’Italia ancora una volta sono in disaccordo: io personalmente non ho nessuna laurea quindi sapevo già che sarei arrivata e avrei trovato quello che mi sarebbe capitato. Se volete intraprendere una carriera ed utilizzare il vostro titolo di studio beh….è un altro discorso. Potete cercare gli annunci di lavoro tramite siti di reclutamento così da ottenere un colloquio ma credetemi….è davvero difficile fissare un appuntamento a Londra se non siete già qui. Avete bisogno di conoscere un attimo come la città è strutturata e le tempistiche per raggiungere i vari luoghi degli appuntamenti, in più se non sapete ancora dove sarete ad alloggiare il tutto diventa molto complicato.
Da quanto ho potuto vedere in questo anno trovare lavoro non è complicato se ci si accontenta.
Io non ero quasi capace di parlare una parola d’inglese, figuriamoci mettere insieme una frase più lunga di 3 parole….! Ma nonostante questo ho trovato lavoro in una gelateria la seconda settimana che ero qui a Bayswater di fronte ad Hyde Park (il parco più grande ed importante di Londra) che tanto per la cronaca è una delle zone più famose della città perché vicino a Notting Hill. Il capo mi ha dato fiducia e ha visto che probabilmente ero piuttosto in gamba nonostante non sapessi bene la lingua. Beh, dopo circa 5 giorni avevo le chiavi del negozio e lo gestivo da sola ogni giorno per qualche ora. Il secondo giorno mi ha fatto fare il training ad una nuova ragazza il che significa che le ho dovuto insegnare il mestiere. La stessa cosa mi è successa con il mio secondo lavoro, quello che ho tuttora. Ciò che voglio dire è che credo dipenda dalle persone….SE VALI QUI HAI LA POSSIBILITA’ DI FARE E DIMOSTRARE QUANTO VALI.

Ecco come funziona la ricerca del lavoro:

  • Prepari il tuo cv di UNA PAGINA! Se hai tante cose che vorresti inserire ti avverto già che qui non sono importanti per il 95% dei datori di lavoro. Questo è un MERCATO VELOCE, CON TANTISSIMA RICHIESTA, non hanno tempo di leggere se hai fatto un corso di decoro ad uncinetto o se vuoi diventare un insegnante di yoga se stai facendo domanda di lavoro a ristoranti! Quindi ELIMINA TUTTO IL SUPERFLUO e soprattutto ADATTA IL TUO CV in base a dove stai cercando lavoro. Non diventare matto a riscrivere 1000 cv, semplificane uno che possa andare bene per la maggioranza. Nell’elenco dei lavori svolti TAGLIA la descrizione delle mansioni all’osso.  
  • IL TUO CV DEVE ESSERE UN ELENCO CHIARO E SINTETICO. Tutti i tuoi dettagli, e-mail, numero INGLESE e INDIRIZZO DI RESIDENZA INGLESE (se non ce l’hai metti quello dell’ostello!)– Elenco dei lavori svolti

– Titolo di studio
– Titoli/Master/corsi conseguiti
– Lingue
– Breve descrizione delle vostre abilità migliori

  • STAMPA IL CV in 50 copie. Puoi andare in biblioteca o recarti in una copisteria ( e per copisteria non intendo i negozi di cartoleria come Ryman, si fanno pagare per l’uso della tua USB nella loro stampante), NON USARE I NEGOZI OFF-LICENSE per stampare tante copie (questi tipi di negozi vendono un po’ di tutto: cibo, alcolici, giornali, ricaricabili per telefonini). 
  • COMINCIA A DISTRIBUIRE un po’ dappertutto. Ogni giorno recati in una zona della città ed entra a lasciare il tuo cv, non essere nervoso, o almeno non darlo a vedere. Entra, chiedi se cercano personale, in ogni caso chiedi di lasciare il cv, se parli con un manager dai una bella stretta di mano sicura e fai un grande sorriso!
  • CERCA FRA GLI ANNUNCI ON-LINE. Vi ho già parlato di http://www.gumtree.com, è un sito di annunci di tutti i tipi ed è il più famoso qui in Inghilterra. Nella sezione JOB ci sono decine e decine di offerte.
  • QUANDO VERRAI CONTATTATO/A ti verrà chiesto di presentarti per un colloquio di persona e per il TRAINING che sostanzialmente è una prova del lavoro che va dalle 2 alle 8 ore. Ti verrà quindi richiesto di lavorare come fossi già assunto e questo credo sia un grande punto di forza della mentalità inglese.
  • DOPO IL TRAINING vi diranno se fate al caso loro o meno. Se siete andati bene probabilmente comincerete il giorno dopo altrimenti tanti saluti e arrivederci. Veloce, sintetico. Così come se vai bene ti prendono immediatamente e ti danno responsabilità, se non vai bene chiudono la porta e ti dicono Goodbye! Lo stesso discorso se cominci il lavoro ma dopo un po’ dimostri di non fare più al caso loro ti lasciano a casa senza molti problemi. Questo è uno stimolo forte ad impegnarsi e non fare i furbi come spesso gli italiani si dimostrano!
    Così funziona qui.

Questo un po’ il riassunto sul tema LAVORO  a Londra. A questo punto non resta che augurarvi Buona Fortuna!