Aggiornato il 3 Gennaio 2021 da Michela

Innanzitutto buon inizio 2021 a tutti (finalmente)! Eccoci con un nuovo post tutto da leggere e, perchè no, mettere in pratica.
Pronti? VIA!

Perchè voler imparare meglio l’inglese?

Avete un livello base di inglese e volete crescere?
Siete tornati da un’esperienza di vita all’estero e volete mantenere quanto imparato?
La quarantena vi ha dato il tempo per pensare alla vostra vita e avete deciso di trasferirvi al di fuori dell’Italia?
Vi voglio introdurre a 9 metodi che vi aiuteranno ad imparare, memorizzare e soprattutto pronunciare meglio la lingua Inglese. Sono consigli che valgono per qualsiasi lingua a dir la verità: li ho provati tutti sulla mia pelle, sfruttandone alcuni mentre per 4 anni vivevo all’estero e altri li utilizzo ora che vivo e lavoro in Italia.
Certo, il lavoro di Receptionist in hotel mi aiuta nell’esercitare e mantenere un lessico e una pronuncia decenti, ma senza implementare alcuni di questi 9 metodi nella mia vita al di fuori del lavoro, so che perderei la conoscenza e la scioltezza nel dialogo acquisiti fino ad ora.

Cartina geografica stilizzata di parte dell'Europa

Arrivai a Londra nel 2012 senza aver studiato inglese da 13 anni.

Quando nel 2012 mi trasferii a Londra, (ahimè ancora non esisteva la Brexit…) dire che parlavo inglese è un vero e proprio azzardo.
A quei tempi avevo appena compiuto 26 anni e non facevo inglese dalle medie, ovvero da  ben 13 anni.
Appena arrivata e tastati i primi timidi contatti con i locali, mi resi subito conto che quando ti dicono :” l’inglese è una lingua semplice, la imparerai in 3 mesi”, in verità, credetemi, sono tutte…..palle!

Sì perché un conto è conoscere qualche parola, un po’ di grammatica, ritrovandosi ad utilizzare l’inglese una volta all’anno in vacanza per ordinare un caffè o chiedere dov’è il British Museum; un altro conto è essere da soli in un paese straniero e non sapere bene da che parte iniziare, dover trovare casa, lavoro e fare qualche amicizia.

Beh, io iniziai dal prendere alcune decisioni sul come avrei affrontato i vari problemi, primo fra tutti la lingua; decisioni che poi hanno dato una svolta al mio livello di inglese e che tutt’ora applico per mantenerlo alto.

Tengo anche a precisare che il mio inglese non è perfetto e non è corretto al 100%, ne sono consapevole. Non ho intenzione di mettermi ad insegnarlo poiché non ho le conoscenze grammaticali per poterlo fare, ma avrei tanto voluto leggere un articolo del genere prima di trasferirmi in Inghilterra!

sviluppai un buon orecchio e riuscii a togliere quell’accento troppo maccheronico che contraddistingue noi italiani e che così poco mi piaceva.

Chiarirsi le idee: il nostro obiettivo

Innanzitutto chiediamoci perché vogliamo migliorare l’inglese? Questo è un passo fondamentale perché da qui partirete per capire che percorso utilizzare e a quali metodi fare ricorso.
Ecco alcune possibili risposte:

  • Trasferirsi all’estero
  • Passare un esame
  • Insegnare
  • Erasmus
  • Essere in grado di guardare film e serie tv in lingua originale
  • Viaggiare
  • Cambiare lavoro
  • Soddisfazione e miglioramento personale

Alcuni di questi punti richiedono certamente uno studio approfondito della lingua frequentando un corso certificato, presso una scuola seria e con classi di POCHE persone.

Ecco, io non ho mai frequentato un corso, ed il mio fu proprio un salto nel buio: quello che so adesso lo devo all’esperienza di vita all’estero (Londra e poi Australia) e ai metodi che vi suggerirò ora.

Una pagina di un libro di esercizi in inglese

Scopri il tuo livello di inglese

La buona notizia è che se non siete over 40, probabilmente un po’ di inglese lo avrete già studiato a scuola, magari alle medie o alle superiori…o entrambe, per cui un minimo di base c’è. Io partii proprio da questo livello quando arrivai a Londra, diciamo un A2, quindi piuttosto basso tant’è che faticavo a capire cosa mi chiedevano al bar quando ordinavo un caffè.

Ah, se non conoscete il vostro livello d’inglese e siete curiosi di scoprirlo, vi lascio qui il link per fare il test: è veloce e gratuito.

Posso dirvi che, a meno che non siate dei genietti, le basi vi servono. Se non avete un minimo di infarinatura ad una lingua nuova, fate un corso anche online per partire e create le fondamenta per continuare a migliorare.

9 metodi per imparare meglio l’inglese

Questi sono i 9 metodi e consigli che vorrei avessero dato a me tanto tempo fa. Sono sicura che alcuni di voi avranno già sentito nominarne alcuni, ma se vengono ripetuti, un motivo ci sarà, no?

Una pagina di un libro in lingua inglese

Allora, eccoli:

  1. GUARDATE film e serie tv in lingua originale, con sottotitoli in italiano (se siete agli inizi) o in inglese (se siete ad un livello intermedio). Amazon Prime Video è perfetto! Sapete che anche la vostra tv ha l’opzione audio in lingua originale?
    ———————
  2. YOUTUBE è uno strumento incredibile per apprendere specialmente la pronuncia corretta. Ci sono video di ogni tipo, durata e difficoltà! Alcuni esempi: cercate interviste dei vostri attori prediletti, magari con i sottotitoli.
    Guardate i video dell’ahimè compianto John Peter Sloan e ascoltate i suoi suggerimenti sulla pronuncia inglese per italiani.
    Cercate i video delle vostre canzoni preferite che abbiano anche il testo scritto e cercate di ripetere le frasi insieme alla musica. Credetemi, all’inizio avrete difficoltà perché sono pronunce veloci e le parole vi si confonderanno negli occhi e nella mente.
    Ma se insistete due, tre, quattro volte nella ripetizione di una frase, ad un certo punto riuscirete a dirla anche voi! Vi sfido, provate! E quando ci riuscirete, capirete che la lingua, inteso come muscolo, così come il cervello, va allenata e piano piano si scioglierà.
    Ci sono frasi di canzoni che non riuscivo assolutamente a ripetere a tempo con la musica: troppo veloci, difficili e sembrava uno scioglilingua. Ora ce la faccio e sembrano anche semplici!
    ———————
  3. LEGGETE: partite dai libri per bimbi o fumetti per poi arrivare a qualcosa di più complesso.
    Articoli di giornale, romanzi, favole, quotidiani (in alcune città vendono stampa straniera), magazine di settore.
    Non scoraggiatevi se per arrivare in fondo al vostro primo libro impiegherete tempo: diventerà più facile perché il cervello si abituerà a vedere e tradurre ciò che leggete. Se avete un Kindle, scaricate libri in lingua originale e usate le funzioni di dizionario e traduttore: io lo adoro!
    ———————
  4. APP da scaricare. Ci sono app come Babbel e BBC Learning English che aiutano nell’apprendimento di vocaboli nuovi, suddivisi per argomenti, livelli e sono anche divertenti.
    Io utilizzo molto l’app della BBC quando voglio riempire 10 minuti vuoti del mio tempo, perché propone sempre video molto originali, corti e che mantengono la mia attenzione alta.
    ———————
  5. COMPRATE un libro di grammatica inglese con esercizi. Io comprai il libro della Cambridge adatto al mio livello: trovate qui su Amazon quello per livello intermedio. Si tratta di un libro ben fatto, strutturato, chiaro e con esercizi mirati, difatti non per niente è uno dei più venduti al mondo.
    ———————
  6. EVENTI/APERITIVI IN LINGUA. Se siete in Italia e volete migliorare l’inglese socializzando (aspettiamo tempi migliori post Covid-19…), sappiate che vengono organizzati incontri in bar o pub durante i quali si parla solamente inglese (esistono anche in francese spagnolo, tedesco ecc…).
    Basta iscriversi alla serata, presentarsi e pagare una piccola quota, di solito 10€ nei quali è incluso anche l’aperitivo. Cercate su Facebook i gruppi di English happy hour della vostra città e iscrivetevi per scoprire le prossime date.
    ———————
  7. COUCHSURFING: ho parlato mille volte di questo sito perché lo adoro! Qui, oltre ad avere la possibilità di alloggiare gratuitamente in giro per il mondo, avete anche la possibilità di trovare e partecipare ad eventi con turisti o cittadini stranieri che cercano a loro volta compagnia per un caffè o una guida locale in città.
    Un esempio? Grazie ad un evento organizzato su Couchsurfing, trascorsi il solstizio d’estate del 2013 nel famoso cerchio di pietre di Stonhenge nel quale vidi sorgere il sole dell’alba insieme a ragazzi e ragazze sconosciuti e che poi divennero amici.
    ———————
  8. PODCAST. Li ho scoperti relativamente tardi ma i podcast sono uno strumento fantastico! Passo molto tempo in auto per andare al lavoro o a trovare i miei parenti e i podcast sono immancabili.
    Sono gratuiti e permettono di scaricare sul vostro cellulare o ascoltare in streaming, programmi radio-tv da tutto il mondo, spesso senza pubblicità: basta avere un’app che supporti i podcast, cercate un argomento e avviate la riproduzione quando più vi è comodo.
    Ci sono podcast per imparare l’inglese (così come altre lingue), per scoprire idiomi locali, le differenze tra i vari accenti: ci sono puntate su argomenti artistici, scientifici o culturali come il noto programma TED, Ideas Worth Spreading. Davvero, c’è un mondo da scoprire!
    ———————
  9. LEZIONI/CONVERSAZIONI SU SKYPE. Se avete Skype è possibile trovare delle persone madrelingua (mi raccomando, madrelingua!) con le quali scambiare due chiacchiere online. Ci sono persone che danno lezioni di conversazione per circa 8/10 euro all’ora; se avete amici all’estero come nel mio caso, potete sentirvi tramite una videochiamata su Skype e fare un po’ di practice!
Una delle pagine del libro Brida di Paulo Coelho visualizzata sul Kindle

E infine…

Oltre a questi 9 metodi che vi ho citato, ovviamente ci sono altre possibilità per imparare una lingua straniera:

  • Frequentare corsi presso una scuola
  • Fare lezioni private utilizzando ad esempio ProntoPro (a pagamento)
  • Se siete studenti universitari potete avvalervi della possibilità di fare un periodo di Erasmus all’estero
  • Per gli studenti delle scuole superiori invece c’è il programma di esperienza di studio all’estero di INTERCULTURA

Il mio metodo preferito rimane quello di VIAGGIARE e non vedo l’ora di poter ritornare a volare lontano! 

Avete suggerimenti o avete provato alcuni di questi metodi? Vi sono serviti? Raccontatemelo e lasciate un commento in fondo al post!

Leave a comment